Pubblicità interattive con la stampa lenticolare

By Grafiche Passart,

  Filed under: Grafica

napoli stampa lenticolare metro

(Fonte articolo ed immagine: NinjaMarketing)

La classica pubblicità, quella rappresentata da affissioni sugli spazi dedicati, sta conoscendo una evoluzione particolare negli ultimi anni grazie all’avvento di nuove tecnologie e tecniche di stampa. I grafici pubblicitari moderni puntano a creare design che si immergono nella realtà in cui vengono esposte, passando da una pubblicità statica a una più interattiva e coinvolgente.

Ma in che modo tutto questo viene realizzato? Bisogna ringraziare la tecnica di stampa lenticolare, in cui un materiale lenticolare è usato per ottenere immagini che danno l’illusione della profondità, o che cambiano quando l’immagine viene vista da diversi angoli di vista. Questa tecnica è conosciuta fin dagli anni ’40, ma solo nel recente passato ha subito un’evoluzione più radicale anche grazie ai nuovi strumenti computerizzati per l’elaborazione di immagini. (Fonte: Wikipedia)

La stampa lenticolare ha aperto una nuova frontiera, portando il marketing classico ad avvicinarsi ad opere d’arte da esposizione. H3D (azienda leader in questa tecnica di stampa) ha da poco presentato un nuovo prodotto: XL® Extra Large, che permette di stampare design di dimensioni 1,2 x 2,4 metri.

L’obiettivo di queste pubblicità è catturare ancora di più l’attenzione dell’osservatore. Per questo motivo, vengono spesso usate in ambienti esterni su vetrine, fondali o pannelli pubblicitari.

Stampa lenticolare nella metro di Napoli

Le particolari proprietà e qualità della stampa lenticolare vengono spesso utilizzate da architetti e designer nei loro progetti più importanti. Ne è un esempio il progetto “Le stazioni dell’arte” realizzato dal comune di Napoli per le stazioni della sua metropolitana. In particolare, la stazione “Università” contiene 3 opere dell architetto Karim Rashid: Ikons (24 pannelli per un totale di 24 x 2,4 metri), Pink e Lime (67 pannelli ognuna per un totale di 40 x 1,78 metri).

La fermata Toledo, invece, contiene un’opera lenticolare ideata da Robet Wilson intitolata “By the Sea… You and Me” rappresentante un mare in leggero movimento, che è quella che si può vedere all’inizio dell’articolo.

La stampa lenticolare in 3D

L’illusione della terza dimensione ottenuta grazie a questo tipo di stampa di alto livello, tanto che l’osservatore ha la sensazione di poter toccare gli elementi stampati, che dunque diminuiscono la distanza che c’è tra l’osservatore e l’immagine.

Gli effetti di animazione consentono anche di mostrare all’osservatore immagini diverse in base alla sua posizione. Al cambio di punto di vista è possibile mostrare il cambio di un’immagine in un’altra grazie all’effetto detto flip, ingrandire un particolare della scena grazie all’effetto zoom o far trasformare un oggetto in un altro gradualmente utilizzando l’effetto morphing.

L’effetto di movimento per eccellenza tuttavia è il moving, che consente di rappresentare in un pannello stampato un breve filmato di pochi secondi che si realizza durante il passaggio dell’osservatore davanti al pannello: un po’ come le gif animate che stanno recentemente tornando di moda nel web.