Prisma: dalle foto all’arte

By Grafiche Passart,

  Filed under: Arte

prisma-app-featured

Prisma: questo è il nome di una nuova app che vi farà diventare degli artisti…in un certo senso.

Cosa fà questa applicazione per cellulare? Molto semplice: dopo aver scattato una foto o averne scelta una dalla vostra galleria, Prisma vi permette di applicarci dei filtri speciali che ricalcano stili di opere famose come L’urlo di Edvard Munch, Go for Baroque di Roy Lichtenstein, lo stile di Wassily Kandinsky o filtri che applicano lo stile fumetto.

Facile da usare

L’app è facile ed intuitiva. Come detto, basta scattare una foto o sceglierla dalla libreria, scegliere un filtro e dopo pochi secondi, l’app restituirà la foto modificata con il filtro desiderato, con la possibilità di condividerla sui social network.

Proprio per questa facilità d’uso, l’app ha spopolato subito su Instagram, il social network delle immagini, dove si possono trovare una quantità di risultati interessanti. Basta effettuare una ricerca su Instagram con l’hastag #prisma per sfogliare le immagini.

Ecco qui alcuni esempi presi da alcune foto caricate su Instagram:

prisma3
prisma6
prisma4
prisma2
prisma1
prisma5

L’app ha riscosso un successo tale che il servizio che ospita il codice di Prisma, Servers.com, ha dovuto raddoppiare la capacità del suo server per rispondere alle continue e numerose richieste degli utenti della app.

Anche “Mail.ru”, una delle principali società di Internet in Russia, ha deciso di acquisire una quota del 10% di Prisma ad appena una settimana dalla sua uscita. L’app conta infatti già più di 1,6 milioni di download a quanto ha dichiarato a TechCrunch il CEO e co-fondatore Alexey Moiseenkov, attualmente a Mosca.

Moiseenkov ha inoltre dichiarato che saranno aggiunti nuovi filtri nell’immediato futuro, con un ritmo di 2 al giorno fino ad arrivare a 40 stili diversi in un mese.

L’app ha conosciuto il suo boom di popolarità quando Facebook  ha rivelato che Instagram aveva più che raddoppiato i suoi utenti mensili attivi negli ultimi due anni, raggiungendo la soglia dei 500 milioni di utenti attivi al mese.

Il vero funzionamento che sta dietro a Prisma

L’elaborazione della foto non avviene nel dispositivo sul quale è installato Prisma ma avviene nel server a cui si appoggia l’app, che contiene il complesso algoritmo per la modifica delle immagini.

L’elaborazione delle immagini (le quali non rimangono mai memorizzate sul server di Prisma) avviene tramite un algoritmo di apprendimento con rete neurale, ossia un complesso algoritmo capace di migliorare le sue prestazioni con l’aumentare dei suoi usi.

Prisma infatti non applica semplicemente un filtro all’immagine come chiunque può fare con Photoshop, ma ricrea l’immagine da zero, basandosi su quella originale e lo stile scelto dall’utente, da qui la scelta di un algoritmo così complesso.

(Fonte: Ninja Marketing)