La riscoperta dei libri da colorare per adulti

By Grafiche Passart,

  Filed under: Arte

libri da colorare by sunblaze

Fonte immagine: http://heatherandlace.deviantart.com/art/Sunblaze-520715825

Nel 2015, i libri da colorare per adulti sono diventati una moda editoriale. Questi libri altro non sono che album con disegni da colorare a piacimento, ritraenti diversi soggetti: dai paesaggi ai personaggi famosi, dai motivi geometrici a quelli floreali. Hanno venduto milioni di copie anche all’estero, soprattutto in Francia e Regno Unito; il fenomeno era iniziato già nel 2014, e molte case editrici italiane (Mondadori, Newton Compton, Rizzoli) ne hanno pubblicato diverse edizioni. Anche Gallucci ed Edizioni EL (che normalmente si rivolgono a un pubblico di bambini e ragazzi) si sono rivolti al segmento degli adulti con questo tipo di prodotto editoriale.

Alcune case editrici li propongono come una forma di terapia antistress, mentre altri solo per il puro aspetto artistico e ludico. Nonostante questi libri non vendano molte copie come all’estero, sempre più editori decidono di investirci, credendo nel prodotto e non ritenendoli solamente una moda passeggera.

Come sono nati i libri da colorare per adulti

Nel 2011, la casa editrice inglese Laurence King chiese a Johanna Basford, un’illustratrice scozzese, di creare un libro da colorare per bambini. La Basford, di mestiere, disegnava etichette per bottiglie di vino e boccette di profumo e il suo forte erano i disegni in bianco e nero. Visto che Basford notava che ai suoi clienti piaceva colorare le illustrazioni che produceva, decise di creare un libro da colorare per gli adulti anziché per i bambini. Nasce così “Il giardino segreto”, seguito da “La foresta incantata”  (pubblicati in Italia da Gallucci), con una tiratura di 13 mila copie. Dal 2013 ad oggi hanno venduto più di 10 mila copie e sono stati per qualche tempo i libri più venduti su Amazon.

Nella realtà dei fatti, il concetto di libro da colorare specificatamente per adulti non è un concetto nuovo. Il primo venne pubblicato nel 1970 da Dover Publication negli Stati Uniti, una casa editrice specializzata nelle riedizioni di classici a bassi prezzi, spartiti, testi di ingegneria, matematici e scientifici. Il libro si intitolava Antique Automobiles. Il catalogo di Dover, oggi, comprende disegni di ogni tipo, dalle forme geometriche a soggetti del mondo naturale ad abiti storici a frattali a opere d’arte famose.

I libri di Dover hanno il particolare di aver le figure dal colorare su un lato solo della pagina, così da poterle staccare ed incorniciare, se qualcuno lo volesse. La casa editrice ha anche istituito un giorno dei libri da colorare: il 2 Agosto.

Tra le grandi case editrici che pubblicano questi libri troviamo Hachette in Francia, con la serie “Art therapy”, fatta di illustrazioni create da molteplici autori. Nel 2015, Penguin House ha acquisito i diritti sui libri di Basford come “Oceano delle meraviglie” e “Magical Jungle” (la cui uscita è prevista il prossimo agosto), seguita subito in Italia da Mondadori.

L’andamento della moda in Italia

Inizialmente, in Italia, questi libri vennero pubblicati da tre piccoli editori: Gallucci, Logos Edizioni e L’Ippocampo. Gallucci ha venduto decine di migliaia di copie dei primi due libri di Basford, e ha dunque proposto album da colorare con riproduzioni delle opere di Vincent Van Gogh, disegni di Andy Warhol e dello stilista Yves Saint Laurent. A ottobre 2015 sono usciti “La stanza del tempo” e “Il giardino del tempo”, illustrati dalla sudcoreana Daria Song, che oltre a essere libri da colorare contengono anche alcune storie.

Logos ha recentemente smesso di pubblicare libri da colorare, temendo una saturazione del mercato vista la quantità di pubblicazioni, ma continua a produrre manuali che insegnano a disegnare (rivolti in particolare ad un pubblico giovanile). L’Ippocampo, invece, continuerà nella pubblicazione: ad oggi hanno fruttato alla casa editrice un ricavo di 2 milioni di euro.

Martina Donati, responsabile del coordinamento editoriale di Newton Compton, ha dichiarato al Post che i libri da colorare hanno avuto così tanto successo da essere ristampati con frequenza: da quando sono usciti i primi volumi fino a dicembre 2015, hanno venduto circa 150 mila copie. Secondo Donati, parte del successo dei libri di Newton Compton sta nel prezzo molto basso delle sue edizioni: 4,90€ l’uno, decisamente poco, considerata la carta d’alta qualità e la copertina cartonata.

Mondadori ha pubblicato un solo libro da colorare per adulti: “Oceano delle meraviglie”, della Basford. Il prossimo autunno, Mondadori pubblicherà un secondo libro di Basford, con illustrazioni dedicate al Natale. Alberto Gelsumini, responsabile editoriale della collana di Mondadori Libri, ha spiegato al Post che il volume ha venduto circa 10mila copie e che la casa editrice non prevede di pubblicare altri libri da colorare oltre a quelli di Basford.

Rizzoli ha invece deciso di restare in casa, pubblicando un unico libro da colorare per adulti realizzato da un’autrice italiana: la presentatrice televisiva Alessia Marcuzzi. Il libro si intitola “La Pinella a colori” e contiene illustrazioni di abiti, rossetti, profumi e altri oggetti usati dalle donne, ma anche fiori e castelli.

Edizioni EL (il cui target è sempre stato quello infantile) ha pubblicato “I colori dell’Oriente” e “I colori della natura nel mese di maggio 2015: la prima tiratura è stata di 6.000 copie, ed è andata sold out e subito ristampata. Successivamente, Edizioni EL ha pubblicato altri cinque libri di questo genere, e altri 5 sono già in programma per il 2016.

Chi compra questi libri?

Le librerie non hanno un sistema per raccogliere dati sulle preferenze dei loro clienti, perciò non è possibile sapere con certezza chi siano le persone appassionate di questo tipo di libri. Tuttavia, le case editrici ricavano dati sui gusti dei lettori e degli utenti partendo dalle opinioni e/o recensioni dei propri clienti. Martina Donati ha spiegato al Post che Newton Compton riceve diversi feedback dai suoi clienti: alcuni genitori colorano insieme ai figli, altre persone usano i fogli colorati per realizzare biglietti d’auguri o incarti per impacchettare regali. Per Donati, inoltre, le persone che non sanno disegnare provano soddisfazione quando finiscono di colorare una pagina: sentono di aver prodotto qualcosa di bello scegliendo i colori più adatti alle fantasie stampate sulla carta.

(Fonte: Il Post)